Multe, cartelle e tasse: vale la data di spedizione o di ricevimento?

In questo articolo ti illustrerò alcune informazioni e strumenti interessanti da utilizzare quando si presenterà il momento di dover pagare una multa, delle cartelle e/o delle tasse da pagare. Ti spiegherò le tempistiche utili per pagare, in particolare quanto tempo hai a tua disposizione per estinguere questi piccoli debiti. Riferimenti molto più dettagliati potrai trovarli sul Codice Civile e sul Codice della Strada.

Multe

multe

Inizierò parlandoti delle multe. Si può rischiare di prendere una multa per svariati motivi:

eccesso di velocità, passare con il semaforo rosso etc. ma la cosa da capire è quanto tempo abbiamo per pagarla. Arriverà a casa (o dove ha la residenza) dell’intestatario della vettura entro novanta giorni dal fatto. Si calcolano 5, 10, 20 o 90 giorni, dipende dal tipo di violazione. Il periodo può partire o dal compimento di quest’ultimo fatto o dalla data di ricezione della multa. Se l’ultimo giorno dovesse essere un festivo la scadenza verrà posticipata al giorno successivo.

Cartelle di pagamento

equitalia
Queste cartelle servono per riscuotere debiti che avete verso creditori di vario genere: Comuni, Inps o Agenzia delle Entrate, che è anche l’ente che si preoccupa di recapitare le cartelle di pagamento.
All’interno della cartella troverai scritta la somma da pagare, a chi e dove pagare, e soprattutto quando pagare le cartelle. Ci sarà scritto come chidere ricorso e in quali tempistiche. Ciò che ti invitano a fare è di pagare entro sessanta giorni dalla ricezione della cartella. Se la somma è troppo alta c’è anche la possibilità di dividerla in rate, così da rendere meno oneroso il pagamento.

Tasse

tasse
Appena compilato il 730 ti verrà riferito dal Caf oppure dal sito dell’Agenzia delle Entrate (nel caso lo avessi compilato online) se sei a credito o a debito. Nel secondo caso dovrai versare le tasse dovute in base alla tua dichiarazione dei redditi. Anche qui c’è la possibilità di pagare a rate nel caso in cui la somma fosse troppo alta.
Per i lavoratori dipendenti i pagamenti dovranno essere saldati a luglio e ad agosto e a settembre per i pensionati.

Ora non ti resta che conservare queste informazioni ed usarle a tempo debito.