Flat tax: forfettario minimi estesi a Partite IVA requisiti

FLAT TAX: COS’E?

Si può tradurre dall’inglese come tassa piatta, o tassa forfettaria.
Attualmente ci sono cinque aliquote Irpef (Imposta sul Reddito Persone Fisiche) e cinque scaglioni di reddito.
COSA CAMBIA?
Al posto di queste aliquote Irpef e scaglioni di reddito si mira ad introdurre un’aliquota unica.
La Flat tax è un sistema fiscale che prevede un’unica aliquota al 15% indipendentemente dal livello di reddito personale dei contribuenti.
La finalità di questa proposta è raggiungere un sistema che semplifica il fisco e induce alla correttezza fiscale. Di conseguenza si dovrebbe ridurre l’evasione fiscale.
In poche parole tu paghi meno e quindi sei meno tentato ad evadere.
Naturalmente se tutti pagano le tasse alla fine tutti devono sborsare meno soldi.
A CHI SI APPLICA IL REGIME DEI MINIMI ESTESI?
REGIME DEI MINIMI ESTESI
Il forfettario minimi estesi è un sistema fiscale che agevola le persone fisiche e gli imprenditori, a patto che la loro attività sia di piccole dimensioni.
Stiamo parlando di possessori di piccole partite Iva che, beneficiando del forfettario minimi estesi, possono ottenere semplificazioni e vantaggi per quanto riguarda l’Iva e la gestione della contabilità.
QUALI SONO I REQUISITI?E’ necessario soddisfare alcuni requisiti fondamentali, che sono i seguenti:-Aver ottenuto guadagni o ricevuto compensi non superiori a determinati limiti stabiliti in base al codice Ateco (L’ Ateco è un codice identificativo composto da lettere e numeri che classifica le imprese quando entrano in contatto con le pubbliche istituzioni. Viene fornito all”apertura di una nuova attività e ne rende possibile la classificazione a livello contributivo).

-aver sostenuto spese complessive per lavoratori dipendenti, associati, ecc… in partecipazioni con solo apporto di lavoro, non superiori a 5mila euro lordi.

-aver sostenuto spese per stock di beni strumentali di ammontare complessivo non superiore a 20mila euro.